Semina Secale cereale winterrogen endemica di Teglio, Ottobre 2014

Grazie a tutti i favolosi braccianti, desiderosi di moltiplicare semenze rare e antiche.

10671207_10205100688627490_5778632973426868620_n10801688_10205100687267456_5695201377730195136_n

 10556496_10205191222566252_2681378584705499129_n10603265_10205191143284270_9195599645254207750_n

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Con alcuni amici, a fine Ottobre 2014, abbiamo seminato la Segale invernale, più precisamente “Secale cereale winterrogen endemica di Teglio”, una varietà antica di Segale che “viene” coltivata in Valtellina da più di cinque secoli. Le prime forti storiche delle coltivazioni di Segale in Valle risalgono al 500 D.C., quindi è, da sempre, una coltura tipica del nostro territorio montuoso. Purtroppo qui pochi ne parlano, dato che le sementi erano praticamente scomparse durante e dopo il boom economico post-bellico, ma fortunatamente nascosti, in alcuni granai e soffitte, alcuni semi sono arrivati fino a noi.

544931_10205191220846209_184127094294445137_n10314466_10205191224926311_7832313461797476482_n

 

Queste varietà, caratteristiche delle Alpi, attualmente sono protette da un’importante Fondazione svizzera, Pro Specie Rara, una sorta di preziosa “banca del seme” di tutto l’arco alpino. Il referente locale per le sementi è Patrizio Mazzucchelli che da anni ricerca, protegge, conserva e moltiplica molti cereali, pseudocereali, ortaggi e frutta, patrimonio esclusivo delle Alpi che, in caso contrario, verrebbero definitamente perdute.

L’azienda agricola di Patrizio si chiama Raetia Biodiversità Alpine e ha sede a Teglio. (http://raetiabiodiversitaalpine.wordpress.com/)

10671345_10205100698547738_2040622939450707070_n10672228_10205100698707742_7273382942356604711_n10405584_10205100701067801_3749646516924258005_n1932432_10205191224246294_8070599277676545367_nTornando a noi, abbiam seminato circa 650 m2 di terreni di (minuscola) proprietà, utilizzati finora come pascolo per bovini, a San Giacomo di Albosaggia, a circa 1100 m di quota, nel versante orobico sopra Sondrio. Questo luogo è “vergine” da decinni, quindi la nostra Segale potrà crescere e moltiplicarsi senza ibridarsi con varietà commerciali e/o di selezione moderna.

10805706_10205100707067951_991242808662858977_n63957_10205100707587964_2366079908348166528_n

 

 

 

 

 

Ora i primi germogli di Segale, robusti ma sottili fili rossi, stanno spuntando dal terreno, dove secondo i racconti dei locali la Segale veniva piantata fino a circa 50 anni fa, quando il cambio d’attività di molti ha fatto in modo che i campi divenissero distese di rovi o boschi di betulle e roverelle (così com’è accaduto per molti vigneti storici). Altro motivo della dismissione della coltivazione della Segale autoctona in Valtellina sono state le dimensioni del grano, ridotte rispetto alle coltivazioni moderne provenienti dai Paesi dell’Est, quindi meno produttive nei quantitativi di granella, ma meno saporiti in farina…

10730891_10205100707947973_5028164118039157915_n10382814_10205100703587864_3712870406501206431_n

 

 

 

 

 

Grani più piccoli ma molto più saporiti, con aromi donati dal nostro clima e da questo terreno…

1940022_10205100689867521_6833688389052153474_n 1904224_10205100691227555_3591345960029444850_n

Quest’opera è stata svolta su nostra iniziativa, senza l’ausilio di incentivi di qualsiasi sorta, ma esclusivamente per portare avanti questa tradizione ormai senza quasi più memoria d’uomo. Difatti, praticamente la quasi totalità del pane di Segale che mangiamo è composta da farine estere che vengono soltanto macinate e confezionate nel nostro territorio (ps.. questo non ditelo troppo in giro nè!), così come avviene per il Saraceno e, il Grano saraceno autoctono di Teglio, solitamente, è messo a dimora dopo la Segale invernale, per cui staremo a vedere cosa crescerà in quei minuscoli appezzamenti di montagna e cosa ci riserverà la continua ricerca di semi locali…

1376418_10205100704987899_3303492148877165502_n 10352903_10205191225326321_8522826675528245645_n

 

 

 

 

 

E, come ho risposto a chi mi chiedeva se lo facevamo grazie a dei contributi degli Enti preposti, “il miglior ‘incentivo’ è la soddisfazione di coltivare qualcosa di veramente genuino, salutare e, per di più, antico da moltiplicare”.

 

Seguiteci anche su facebook http://www.facebook.com/ortotellinum

Grazie!

3 pensieri su “Semina Secale cereale winterrogen endemica di Teglio, Ottobre 2014

  1. Pingback: tellincamuno

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...