… e infine giunsero i cervi!

La Segale, l’antica varietà di Teglio, cresceva senza far troppi capricci in attesa dell’inverno ma…

10422023_10205464128028718_5379220210716536608_n10245350_10205464128468729_6992668812613830744_n

Le visite degli ungulati, caprioli su tutti, erano saltuarie, il terreno era lievemente gelato e, a parte i segni degli zoccoli lasciati impressi, nessun danno era stato arrecato alla coltivazione. Anzi, brucando i germogli del cereale, stavano garantendo una maggiore produzione primaverile, dovuta al fatto che se il filo di Segale viene spezzettato prima del “letargo”, al risveglio post-invernale, dallo stesso seme, ripartiranno più fusti, quindi più gambi de seghel!

10150762_10205464138388977_8918909734429638351_n10349980_10205464137188947_8453467904494855200_n

Invece la stagione continua così, diciamo altalenante a esser cauti. Le prime gelate che lasciavano intravedere un andamento classico, cioè con successive nevicate e gelo persistente, sono state interrotte da un periodo remòll, tipico di fine inverno, caratterizzato da disgelo, temperature superiori alle medie novembrine, intensa umidità e pioggie. Clima ideale per gli animali alla ricerca degli ultimi pasti verdi, difatti il campo più esposto e lontano dalle case del borgo è stato vittima della fame dei cervi!

10805655_10205464139268999_2377576567198750146_n

Facilitati dal terreno morbido si sono nutriti della fresca Segale, saporita e nutriente, una vera prelibatezza, mica matti questi cervi! (Dico cervi poichè ho visto la mole delle loro impronte). Hanno scavato e in pratica arato questo campo schifando, invece, i prati e pascoli limitrofi con erba ormai ingiallita e morente.

10404453_10205464137908965_429658382600481564_n10689868_10205464139989017_3193126862174837307_n

Circa 50 metri quadri sono stati rovinati, purtroppo non ho avuto il tempo tecnico per costruire una staccionata degna di questi giganti a quattro zampe, sarà una delle principali prerogative per la futura primavera. Bè, ora dovrebe esser scesa un po’ di neve, andremo a controllare, in ogni caso lunga vita a cervi e Segale!

6 pensieri su “… e infine giunsero i cervi!

  1. Ciao, non ci conosciamo ma leggo e guardo con interesse questo diario. Ciò che fai/fate ha del fascino. Continua così… e lunga vita ai cervi, alla segale e a chi coltiva, con rispetto, la terra!

    "Mi piace"

  2. Heila Boss, seguo con grande interesse ed ammirazione il tuo progetto…forse oltre alla staccionata dovresti recuperare i cannoncini ad aria dissuaderli dal pasteggiare…tieni duro…

    "Mi piace"

  3. Si è un bel problema la convivenza con gli animali,ora poi con tutte queste leggi non è piu’ possibile tenere il controllo,una volta esisteva la caccia ed era un espediente per tenerli lontani dal’ uomo.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...