Decantando una passeggiata nei dintorni di Bondone

Elogio di una sortita orobica nel territorio di Teglio, tra Moia e Bondone passando per le rovine dei Gioz.

988848_10205875628315968_1686356465715859339_n10906075_10205875718758229_3709059765817192943_n

Il versante delle Orobie valtellinesi rimane, per lunga parte dell’inverno, un luogo abbandonato, silenzioso, tranne per il brulicare degli animali, e oscuro. Questa zona, esposta quasi totalmente a Nord, è spesso trascurata dall’uomo, così come dal sole che, per mesi, non batte su piante e suoli orobici quindi, qui, in questa stagione, si vive di luce diffusa che illumina le opposte Alpi Retiche e la zona di Teglio.

1601590_10205875629435996_8091325858811069729_n10428647_10205875633836106_3478504440964821873_n

Dalla località Moia di Carona, sita a circa 1100 metri s.l.m., si sale, seguendo antiche vie, tracciate da uomini e bestie, tra i boschi dove, remoti nuclei di case, sono ora avvolti da ortiche e giganteste piante che hanno fenduto i muri con le loro radici. Poco oltre l’abitato s’intravedono le rovine dei Gioz, presumibilmente importante familia locale, date le costruzioni ancora presenti, con angoli massicci che, con un amico proviamo a datare, verosimilmente risalenti al XVI secolo.

10906080_10205875635836156_3015092092720218702_n10934001_10205875628755979_5148980307635017586_n

Il suono dei passi su rami e foglie secche, un sottile strato di neve sciolta e gelata più volte, l’aria fina, queste mura che s’ergono mute e imponenti, alberi nella spettrale veste invernale, sono solo alcune delle peculiarità nei meandri degli innumerevoli ruderi abbandonati che s’incontrano su tutto il versante orobico. Osservando ciò che rimane delle pareti delle case, si nota il richiamo a tecniche edilizie come l’opus spicatum, metodo in utilizzo sin dai tempi degli antichi Romani.

10930166_10205875722158314_3926013737277537738_n10906232_10205875725238391_2837014453751049587_n

Giungendo ai circa 1250 metri di quota di Bondone, tra moderne ristrutturazioni di vecchi edifici preesistenti, si possono ancora ammirare alcune, purtroppo poche, dimore arcaiche tipiche del luogo. Vediamo un cimelio d’altri tempi, il portone ligneo d’una cantina o cucinaccia contorniato da un arco a tutto sesto in pietra, forse l’unico rimasto nel paese, e chissà per quanto ancora…

10931323_10205875719118238_3917360071072601081_n10906558_10205875720118263_7987304969516089709_n

Altre strutture che ci colpiscono sono le ultime (due) baite in legno su basamento in muratura, simili alle livignasche tee, incastri maschio-femmina di tronchi d’abete, ora inclinati seguendo le pieghe del legno, con la copertura sorretta da capriate; stalla al piano terra e fienile sopra.

Peculiarità che scopriamo sono le fascette di fusti di segale utilizzati come isolante tra le fessure, per evitare che l’aria, spesso gelida, della ValBondone penetri all’interno, questa è un’importante testimonianza diretta delle colture presenti qui nel passato.

10407484_10205875727198440_1097108401043273721_n1546071_10205875725998410_7432960653321393203_n

La fioca luce cala sempre più così si torna sui propri passi, in direzione Moia dove, in meditazione davanti al fuoco della stufa, il 91enne Albino, che vive qui tutto l’anno, ci ospita per una chiaccherata e un bicchiere di vino, così da concludere in bellezza la camminata rievocativa.

10923230_10205875731558549_5100059958245863417_n

Alla sua!

4 pensieri su “Decantando una passeggiata nei dintorni di Bondone

  1. Caro Carlo, non finisci di stupirmi. Non sapevo della ca’ de Gioz sopra la Moia. Non è per caso la località indicata dalle mappe come castello o castellino (non ricordo esattamente) su un piccolo promontorio dominante la montagna tra la Moia e Bondone? Quei muri emanano qualcosa di veramente molto antico, per la tecnica impiegata. Meriterebbero uno studio. A quella quota una costruzione così ben fatta, mi fa pensare a un piccolo maniero o a una torre, a qualcosa legato al sistema difensivo dell’antica Castellanza tellina. Sarebbe bello disporre anche di una foto di contesto e del panorama (se c’è) visto da quei ruderi. Un caro saluto. Gianluigi

    "Mi piace"

    1. Salve,
      non sono Carlo ma posso risponderle che il Calstellino non corrisponde a questa località, denominata dagli autoctoni Gioz, tale struttura è locata in zona che più recentemente è stata chiamata Belvedere, prima che le piante avvolgessero il tutto, si trova poco oltre la Moia, in direzione Bondone, esattamente sotto alla strada che per l’appunto va dal bivio (con Carona) verso Bondone. Saluti cordiali

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...