Elogio ai SCiALèSC: un’arte da tramandare

Dedicato a coloro i quali utilizzano ancora i rami di salice per legare piante, fili di ferro, pali e tralci.

10926393_10205905555984141_8571986725131665349_n10917109_10205905568824462_5809143613351130937_n

Avevo all’incirca quindici anni quando, malvolentieri, mi recavo nella vigna per aiutare i nonni durante la potatura invernale (pudà), la messa in posa di pali e fili di ferro (stagnà) e la legatura delle viti alla struttura (rizzà).

Ogni vigna che si rispetti, nel sua zona umida, ha almeno uno o due salici (scialèsc) a cui, una volta sistemate le piante di vite e i filari, si tagliano i rami di un anno (strópe) e si utilizzano totalmente per rizzà la vigna.

10409230_10205905528743460_641823673129337836_n10246591_10205905541463778_4344286306307113282_n

Questa tecnica ha sicuramente origini remote e il scialèsc, con i suoi scialìscii (ramoscelli di salice), si adatta ottimamente a quest’opera, con un nodo che, nel migliore dei casi, regge anche per due o tre anni.

10922507_10205905531103519_1062012983058108364_n10917358_10205905540303749_38508905578596645_n

Il nodo è fatto stringendo tra le mani le due estremità del rametto di salice e con una rotazione particolare su se stesso, usando il pollice della mano destra, lo si fissa automaticamente e rimane lì, a far il suo dovere, per anni. Sì, più facile mostrarlo che spiegarlo.

10425862_10205905537303674_8172522203531665615_n1507632_10205905552264048_6907710742307183257_n

Dopo ben quindici anni, ricordo ancora perfettamente, il lento movimento delle dita di mio nonno Marcello prima e del Gianni poi che, con forti mani e un’ammirabile calma, portavano avanti quest’arte.

10407712_10205905571904539_5164623520253370806_n10896990_10205905574024592_1065755474729439129_n

Negli ultimi anni, a mio parer purtroppo, il rizzar con il scialèsc s’è quasi totalmente abbandonato, lasciando il posto a legacci di ferro o di plastica che, dopo il loro utilizzo, rimangono stesi sul terreno e addobbano di colori sgargianti i vigneti.

10930900_10205905534463603_676379942493991699_n

Da qualche anno mi diletto a insegnare questo particolare nodo, manualità dapprima difficile da imparare poi però, con dedizione, si meccanizzano i movimenti e si legano le viti a centinaia.

Si organizzano lezioni di potatura, stagnà e rizzà!

 

Annunci

8 risposte a "Elogio ai SCiALèSC: un’arte da tramandare"

  1. Quello che scrivo esula dai salici ma tant’é. Volevo piantare del grano saraceno come pianta nettarifera per le mie api, due alveari, su circa 100 mq.che ho liberi nel mio orto. Abito a Cernusco sul Naviglio, Milano.Se ti può interessare per seminare una delle due varietà che avete salvato contattami. Mi farebbe molto piacere.
    Bettinelli.alessandro@live.com . P.S.perché per la legatura con i salici non fai un filmatino minimo e lo posti?
    Grazie

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...