Vieni che t’insegno a “Sgarzulà”

I germogli verdi primaverili della vite necessitano, in questo periodo, di una scelta da parte dell’uomo…

11046230_10206815985584312_1770158967045682148_n11245494_10206815986624338_4297429717749049585_n

“Vieni che andiamo a sgarzulà(SGARZULà sta per “la potatura verde della vite”), mi dicevano i miei nonni, Marcello prima e Gianni poi, quando, il primo tepore primaverile, aveva fatto ripartire la vita nei vigneti.

Con mani dure e scalfite dai lavori, dato che per loro i guanti non sono mai esistiti (de fan cusè?!), iniziavano ad accarezzare la parte basare del vecchio tronco di vite per togliere le rogne, i succhioni che ogni anno pullulano tra la grinzosa corteccia e le antiche gemme dormienti.

11057645_10206815980624188_1358061628918991268_n11202894_10206815979144151_6529322837488488118_n

Quindi come andavano a intervenire loro, interveniamo noi, eliminando i germogli di troppo e lasciando l’indispensabile, di certo una “ripresa vegetativa” nella parte adatta del tronco, solitamente all’esterno nella struttura della pianta, ad una altezza di circa 50 cm da terra, se è spuntato qualcosa lì, così da poter ristruire la pianta stessa, all’evenienza, senza dover attendere troppe annate.

11245801_10206815985624313_1792634238847258697_n11139397_10206815986264329_6804642682760661935_n

Poi si sale lungo lo sviluppo della vite, si percepisce lo scorrere delle linfa, se  cercate di sentirla, vi passa tra le mani e diviene un tutt’uno con il vostro sangue…

Con un semplice ma secco e preciso tocco di dita si staccano i butti indesiderati, anche sull’eventuale parte del tronco orizzontale, se presente.

11144415_10206815973864019_5974025623800973618_n11011232_10206815972063974_892946370084970699_n

Giunti sul ramo lignificato dell’anno precente, quello che compie l’opera di capo a frutto dell’annata in corso, dal quale gettano i nuovi tralci erbacei produttivi, troviamo saltuariamente dei germogli doppi o tripli che dipartono dalla stessa (apparentemente) gemma  che, per squilibri ormonali-genetici, si liberano contemporaneamente.

10339751_10206815980544186_5892790988932945842_n11261644_10206815973904020_3589580032602213560_n

Scrutiamo attentamente i due germogli paralleli, senza mai perdere l’attenzione, ve ne sarà sicuramente uno fertile, solitamente quello centrale (se sono tre, uno dalla gemma principale e due dalle gemme di controcchio), che presenta dei minuti mini-grappolini che non son altro che i boccioli fiorali, che andranno poi a schiudersi, aprendosi nei micro-fiori, primordio degli acini d’uva!

11263043_10206815972903995_6849944474570703483_n11226195_10206815973944021_5099167214197857860_n

In tal caso, andremo a togliere il germoglio in cui il grappolino è appena abbozzato o trasformato completamente in viticcio;liberiamo la pianta dal ramo d’ingombro e lo gettiamo a terra dove ritornerà utile come pacciamatura, aumentando la fertilità naturale del suolo.

11060925_10206815980584187_2498042740774442402_n10419042_10206815978984147_2654609700314283281_n

Svolgere un’adeguata potatura verde consente, al vigneto, di massimizzare la circolazione d’aria trai tralci (temibile fonte di ristagni d’umidità, quindi di dannate muffe non nobili!), esporre la maggior superficie fogliare possibile, che consente di captare più luce solare e, oltretutto, di una crescita più rigogliosa, ordinata e d’agevole controllo dei rami produttivi.

11295585_10206815979024148_5154890134231921212_n

Meno parte vegetativa sulla vite corrisponde, inoltre, a una minor diluizione dei fluidi contenuti nei trattamenti, così da ridurre estremamente l’utilizzo dei fitofarmaci.

PER CHI VOLESSE O POTESSE SUPPORTARE LE MIE ATTIVITà:

http://buonacausa.org/cause/recupero-vigneti-in-valtellina

o

http://buonacausa.org/cause/coltivare-semi-antichi-di-valtellina-terrazzamenti

GRAZiE!

2 pensieri su “Vieni che t’insegno a “Sgarzulà”

  1. Ciao – ho bene letto il suo interessante e preciso articolo sulla “sgarzulà” ma per quanto riguarda la località “Moia di Corona”, a che epoca puo risalire quest’abandonno dagli abitanti ? grazie

    "Mi piace"

    1. Grazie, per quanto riguarda la Moia di Carona si parlava di Segale e Saraceno fino ai primi anni ’70 quando il boom economico giunse fin lì! Non si preoccupi che ora abbiam riseminato ben 5000m2 di sementi antiche proprio lì!

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...