Fioritura del Grano saraceno antico di Teglio a…

Erano i primi caldissimi giorni di luglio 2015 quando si è seminato il Furmentun a Caprinale (https://camminarecontrovento.wordpress.com/2015/07/07/semina-del-grano-saraceno-antico-di-valtellina-a-caprinale/).

11866414_10207676385733778_384683475251114_n11947570_10207677540482646_5982397998072798518_n

Ebbene, passando sulla strada che da San Giacomo di Teglio porta verso Bondone e Carona, dopo poco più di un mese e mezzo, a Caprinale, si può osservare l’intensa fioritura del Grano saraceno antico.

11898609_10207676386773804_543714111308453988_n11056643_10207677584323742_5813166281161341085_n

Si trova a 900 metri di altitudine e le temperature ora, quasi finalmente, tornano a scendere, nottate fresche e dì assolati con cielo terso favoriscono il volo degli insetti impollinatori che si nutrono del nettare, compiendo il loro santissimo dovere. Peccato per le nubi di oggi che rattristano le api!

11902291_10207676386573799_8998987028381738135_n

Poche sono ormai le essenze in fiore e questa fa incetta di molti preziosi animaletti!

11944541_10206860073333450_1669909252_n

In ogni arnia, circa 50 mila api continuano incessanti il loro laborìo, bè, i fiori sono proprio lì nel loro giardino, colorati e profumati, pronti ad essere raggiunti dal loro tocco.

11880333_10207677569443370_6537634439688782743_nIn queste ancestrali varietà di Fagopyrum esculentum non sono rare le dimostrazioni visive di alcuni geni recessivi, che sfumano il fiori di un rosa tenue.

Attendiamo nuovi sviluppi futuri!

PER CHI AVESSE LA POSSIBILITÀ DI SOSTENERE QUESTA E ALTRE MIE ATTIVITÀ:

http://buonacausa.org/cause/coltivare-semi-antichi-di-valtellina-terrazzamenti

Annunci

L’invaiatura della Ciauenasca

Nei primi giorni di agosto l’uva attraversa una fase fondamentale, un mutamento di colore che racchiude svariate sfaccettature.

11800591_10207532423774819_2015674542505674878_n11855921_10207532422134778_4053576760589011274_n

Dapprima s’inizia a notare qualche leggera sfumatura violacea, qualche acino, i più fortunati, s’arricchiscono di sostanze preziose, cosìcchè il grappolo, da verde tenue, cambia il suo aspetto, fuori e dentro!

11846563_10207594811374470_3426113057045813221_n11899863_10207594811494473_2974826241716223142_n

Nell’arco di poche giornate, se calde e assolate, tipiche del periodo, l’intero volto dei vigneti s’arricchisce di pigmenti blu e viola, queste tinte sono l’espressione visiva di un processo in atto al loro interno: il preludio dell’accumulo degli zuccheri e altre sostanze aromatiche.

11902291_10207594810414446_7959494099813866969_n11866364_10207594811174465_6964948251505795450_n

In base ai vitigni questa fase, chiamata invaiatura, colora l’uva “rossa”, tra fine luglio e ferragosto inoltrato.

Quest’anno, un’annata per molti versi precoce, anche la Ciauenasca o Ciuvinasca o Chiavennasca, che dir si voglia, a metà agosto era già ben tinteggiata.

Ma attenti a non confonderla con dell’uva già pronta al raccolto, la maturazione è lenta e graduale e, più il frutto rimarrà sulla pianta, più amplierà lo spettro aromatico e caratterizzerà naturalmente il gusto del vostro vino!

Quindi, non abbiate fretta e godetevi lieti i vari stadi dello sviluppo.

Per chi potesse sostenere queste e altre mie attività:

http://buonacausa.org/cause/recupero-vigneti-in-valtellina

Grazie!

Chi semina Grano saraceno raccoglie… Segale!

La Segale antica di Valtellina era matura già da un po’ quando siamo saliti in montagna per raccoglierla e seminare il Saraceno.11831753_10207487142002803_1618124238961739617_n11817083_10207487131522541_6106034325101734431_n

Seminammo la Segale a fine ottobre 2014 (https://camminarecontrovento.wordpress.com/2014/11/03/semina-secale-cereale-winterrogen-endemica-di-teglio-ottobre-2014/), eravamo un gruppo di vecchi e nuovi amici e, con quello stesso spirito, sabato e domenica 25-26 luglio 2015 abbiamo organizzato la raccolta.

11701174_10207487201244284_1737516096203582743_n11755374_10207487200964277_8418083279475810139_n

Muniti di falcetto (Scighét) e vöia de fan (VOGLIA DI FARE!) ci siamo prostrati alla terra, chi piegato, chi in ginocchio “all’orientale”, si è iniziato con il tagliare alla base il fusto della Segale e, annodando in modo tradizionale e non, abbiam formato i tipici mazz de Seghel!

11817129_10207487202284310_4853034097471938782_n11781745_10207487200044254_2774423587437866469_n

La Segale così raggruppata, essendo già essicata in campo, era pronta per essere battuta. Quindi, dopo aver posizionato dei teli e una cassapanca, si è iniziato, da subito, a batterla contro le assi, per far uscire i tanto rari semi.

11796332_10207487132922576_5683400787501115658_n11822395_10207487141682795_5014079575838980815_n

11796367_10207487174163607_2797826375174275470_n984246_10207487177763697_6027899661329109944_n

Con forza, costanza e pazienza ci siamo dedicati a quest’opera, grazie alle nostre fatiche nella battitura, i semi sono schizzati fuori dalla spiga che li racchiudeva; dandoci il cambio appena necessitava, in pochi istanti, i mazzi venivano spogliati dal loro bene più prezioso.

11760131_10207487204444364_7198959440760543570_nNon appena i campi erano stati liberati dalla Segale, m’apprestavo a spostarmi da un appezzamento all’altro con il motocoltivatore a fresa, per smuovere il terreno e seminare il fatidico Furmentun!

Si è scelto una varietà ricercata, un Ecotipo (Landrace) di Fagupyrum esculentum coltivato da almeno cinque secoli nella zona di Teglio, analizzato dell’Università Bicocca di Milano e registrato con l’appellativo “Nustran“. Insomma, quando la Scienza incontra l’Agricoltura!

11231257_10207487141922801_7747403633713393315_n11781790_10207487221404788_8711444801175117129_n

La terra smossa, d’un bel colore intenso, era pronta per avvolgere questa remota semenza da moltiplicare che, coperta dai fusti della Segale battuta, e grazie alle piogge dei giorni seguenti, in 4-5 giorni già si potevano vedere i primi germogli di Grano saraceno.

11822842_10207487143642844_3523452124512912048_n11822674_10207487175003628_8511775834248597751_n

 Ueh! Alla prossima raccolta dovete partecipare anche voi!

e se potete:

http://buonacausa.org/cause/coltivare-semi-antichi-di-valtellina-terrazzamenti