Sforzato naturale di Ciauenasca messo sotto torchio

In questi giorni di fine febbraio 2016 abbiamo torchiato le vinacce fermentate della Vendemmia in cassetta 2015.

 

Erano le prime settimane di ottobre quando, con cura, raccoglievamo e adagiavamo in cassette i grappoli ben scelti di Ciauenasca (Nebbiolo – Chiavennasca) dei terrazzamenti di Valtellina. La raccolta è stata raccontata qui: https://camminarecontrovento.wordpress.com/2015/10/25/raccolta-uve-di-nebbiolo-chiavennasca-per-lo-sforzato-naturale-di-valtellina/

L’uva è rimasta a appassire per più di tre mesi e, durante questo anomalo inverno, ha concentrato zuccheri e aromi e a fine gennaio era pronta per la pigiatura, ovviamente con gramula (pigiatrice) manuale.

Dopo la torrida estate scorsa, che già aveva donato al Vino dell’annata una gradazione naturale i, già al solo assaggio, questi chicchi essicati, regalavano sapori e profumi da fiaba!

La fermentazione del super-mosto è durata all’incirca un mese ed è avvenuta in un locale riscaldato appositamente con stufa a legna, con temperature che variavano dai 17 ai 23 gradi Celsius. Così, a fine febbraio ’16 era tutto pronto per separare la parte liquida dalla solida del mosto e per la successiva torchiatura.

12805774_10208935639094325_2025023800905625251_n

Ci piace sottolineare che il nostro Sforzato è naturale, poichè deriva da uve trattate solamente in quattro occasioni durante il periodo maggio – agosto 2015 e, l’ultimo intervento è avvenuto poco dopo il Ferragosto, quindi la pianta ha avuto il tempo per “purificarsi” da rame e zolfo, con grappoli puliti e dilavati ottimamente dalle piogge settembrine.

Inoltre, non aggiungendo solfiti sia in fermentazione che durante la conservazione del Vino, lasciamo che i raspi dei grappoli rilascino i loro tannini in fermentazione, dato che questi sono perfetti antiossidanti, seppur diano spiccato carattere astringente al palato, che noi comunque riteniamo fantastico!

Ci colpisce sempre quando vediamo sgorgare dal torchio il prezioso liquido e, dopo un primo fugace assaggio, possiamo dire che quest’ennesimo esperimento sembra essere andato benone…

Ora lasciamo riposare lo Sfurzàt nella botte, facendo in modo che la gravità agisca, senza fretta, nel far depositare sul fondo le particelle microscopiche dei grappoli rimaste.

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...