Il futuro della montagna

Nell’era della globalizzazione, qual è il futuro dei territori marginali, come la montagna?

Territori marginali rispetto – s’intende – al grande flusso di persone, cose e informazioni proprio dei centri metropolitani. Territori in cui si può, quindi, immaginare un modello di vita peculiare, alternativo. Non più basato su una crescita indefinita, oggi in crisi. Crescita che rappresenta in sé l’essenza della città, della grande città, della metropoli.

21731268_10214571957398760_2461232190939618021_n

Ora, la metropoli è basata sull’accumulazione: di persone, di risorse, di produzione. La montagna, la valle alpina si basa invece sulla diffusione, sulla dispersione dell’antropico, dell’elemento umano sul territorio. La metropoli esalta l’artificiale, l’artificio volto a massimizzare il benessere e il potenziale creativo, associativo, economico, culturale… la montagna, la ruralità alpina favorisce invece l’armonia fra elemento umano ed ecosistema naturale. Ma questo può avvenire a condizione che la montagna (o la campagna) non imitino la città, facendo propria la logica dell’accumulazione, della crescita.

Come sarà dunque la comunità montana del futuro? (comunità montana non nel senso dell’istituzione ovviamente, ma della non-città alpina nel suo complesso, rete di centri abitati diffusa sul territorio)

Essa potrà essere sostenibile e autonoma, perché basata su un’agricoltura e uno sfruttamento delle risorse del territorio sostenibili, alla base. L’autonomia come concetto e prassi funziona solo se è tale rispetto ad ogni livello considerato, quindi già il singolo villaggio sarà tendenzialmente autonomo, attraverso una filiera produttiva più completa possibile, una rete di saperi e mestieri distribuita sinergicamente fra i suoi abitanti, assecondando predilezioni, talenti, libera iniziativa. Inoltre ogni villaggio avrà sviluppato delle produzioni di eccellenza, legate alla storia, tradizioni e caratteristiche della località stessa, produzioni che verranno distribuite e condivise nei territori circostanti. Ma la base sarà a km 0: vini naturali, prodotti preservando le storiche coltivazioni e vinificazioni, cereali alpini, ortaggi, frutta, allevamento, erbe spontanee che nell’insieme avranno ripristinato la dieta alpina, insieme a tutti i suoi benefici. Attraverso varietà antiche e quindi adattate agli ambienti e ai micro-climi, metodi naturali o a impatto minimo, rispetto delle stagionalità, della semplicità e della frugalità proprie dell’era pre-tecnologica, ma con a disposizione tutta la tecnologia ad aiutare e ampliare possibilità e creatività.

Essa potrà essere ricca: ricca di armonia fra vita, cultura e bellezza, memoria storica, conoscenza e consapevolezza del territorio, paesaggio antropomorfizzato e non, esigenze produttive e di consumo. Ricca quindi di attrattiva per un turismo alla scoperta di luoghi, identità e stili di vita della montagna, in una rete di nuovo sinergica fra ristorazione, agriturismo, artigianato, sport, natura e tutto ciò che la vita in montagna offre. In cui l’eccedenza del coltivatore diviene materia prima per l’osteria locale che attrae viaggiatori e ospiti del territorio. Viaggiatori che scopriranno come la montagna e i suoi abitanti del futuro sappiano riproporre il patrimonio degli antichi con rinnovata intelligenza, in un’ottica non più di mero sfruttamento delle risorse ma di ciclicità della biosfera. Non si sfrutterà irresponsabilmente quanto indispensabile al capriccio umano, ma si preleverà il necessario restituendo il possibile, senza impattare e stravolgere le eco-nicchie, imparando a non-fare, a conservare, restaurare, rallentare… uno-due ettari per famiglia, produzioni con metodi che riducano ore di lavoro e impatto sull’ambiente, sapori veri, micro-economia diffusa e cooperativa: ecco la ricetta per la futura ricchezza della comunità montana.

Essa potrà dunque essere libera: libera di offrire uno stile di vita in cui è raggiungibile un equilibrio fra artificiale e naturale, fra ego e rinuncia a sé, dove l’immagine personale non è tutto, dove l’autonomia non è individualismo, dove si può ricercare la pace interiore oltre ad ogni altra forma di umana realizzazione. Libera di non esasperare la divisione del lavoro, ma scoprire la dimensione artistica dell’opera umana, al posto di una alienante iper-specializzazione che la civiltà metropolitana della tecnica impone. Sarà una libertà da…. una libertà di… e queste le abbiamo dette, ma sarà anche e soprattutto una libertà per.

Per l’ulteriore futuro della montagna e del pianeta.

 

 

“Pionieristica per la Montagna del futuro”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...