Valtellina BIO: una frutticoltura alpina, sostenibile e identitaria

Sembra giunto il momento di pensare ad un nuovo modello di frutticoltura (e di agricoltura) per la montagna e le aree interne. Quella che abbiamo ereditato dalla “rivoluzione verde” e cioè industriale, chimica, ad elevati investimenti, geneticamente spinta, energivora, legata alla GDO non è più in grado (a differenza del passato) di garantire benessere, ricchezza e qualità della vita sia per chi opera in frutticoltura, e sia per chi abita tra i meleti con il diritto di vivere in un ambiente sano, pulito, giusto ed etico. Lo “scambio” tra reddito e salute che aveva governato lo sviluppo impetuoso delle melicoltura industriale valtellinese è saltato, perché è venuto meno il reddito che garantiva la produzione di mele. E se questo “patto” deve essere necessariamente ridefinito, pena il progressivo espianto di frutteti, e la marginalizzazione della frutticoltura nel quadro delle produzioni identitarie della Valtellina, è necessario innanzitutto guardare a come si stanno riposizionando sistemi territoriali e produttivi simili alla Valtellina.

Punto.Ponte

a cura di ART srl – Analisi, Ricerche e Interventi Territoriali

“Il cibo è metafora, la più bella, la più interessante e
completa per osservare le cose del mondo.Perché mostra sì con estrema
rapidità tutte le cose che stanno andando male, e le ragioni per cui vanno
male, ma indica altrettante soluzioni perché possano andare meglio”.

La coltivazione del melo in Valtellina

La frutticoltura, ed in particolare l’allevamento del melo, ha origini antiche in Valtellina. Tracce della sua indicativa presenza si trovano in epoca medioevale, riconosciuto tra “gli alberi da frutto” di cui era particolarmente ricco il territorio valtellinese, soprattutto sul versante retico. Una frutticoltura, quella valligiana, non ancora specializzata, e praticata in ambito dell’azienda agricola familiare e di conseguenza destinata principalmente all’autoconsumo. Ciò significava per altro verso, la presenza di una gamma varietale molto ampia costituita oltre che da mele, da pesche, pere, susine e ciliegie. Il…

View original post 1.947 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...